Il Miele: dal Fiore al Vaso

Quando l’ape raccoglie il nettare dai fiori oppure la melata li immagazzina nella “sacca melaria” dove vengono addizionati con l’enzima invertasi – dividendo così il saccarosio in fruttosio e glucosio.

Ape su amorfa

Ape su Amorfa

Il nettare in questo momento ha un’umidità intorno all’80%. Quando la sacca melaria è piena – per abbassare il contenuto di acqua al di sotto del 19%-20% affinché il miele non fermenti – l’ape bottinatrice torna nell’alveare dove passa il nettare alle altre api attraverso la trofallassi. L’ultima di queste lo immagazzina nelle celle, poi l’ape ventilatrice muovendo velocemente le ali lo asciuga ulteriormente.

Una volta piena la cella viene tappata dalle api con la cera, per conservare al meglio ciò che adesso è diventato miele.

Favo di miele

Telaini con Miele

Dopodiché l’apicoltore prende i telaini pieni di miele, ne verifica l’umidità e in seguito li disopercola (rimuove i tappi di cera) per poi estrarre il miele attraverso lo smelatore (una centrifuga per il miele).

Dopo essere stato smelato il miele viene filtrato e lasciato a maturare in fusti di acciaio inox per il tempo necessario affinché l’aria accumulata durante la smelatura venga in superficie.

Infine viene invasettato.

Amorfa

Miele di Amorfa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *